Ipospadia complicata

/Ipospadia complicata
Ipospadia complicata2018-09-09T10:58:55+00:00

1. Che cosa è l’Ipospadia Complicata

L’ipospadia complicata fa riferimento a pazienti per la maggior parte adulti, che hanno subito in passato diversi interventi di riparazione di ipospadia e di sue complicanze.
Questi pazienti plurioperati possono presentare 3 tipi di problemi [Fig. 1]:

Ipospadia Complicata

Fig. 1
Ipospadia complicata

Problema funzionale

  • Ipospadia residua: l’anomala posizione del meato impedisce di urinare in piedi.
  • Stenosi: meato o uretra ristretta con impedimento ad urinare.
  • Fistola uretrale da cui fuoriesce l’urina
  • Calcoli uretrali
  • Peli nell’uretra con infezioni urinarie

Problema sessuale

  • curvatura del pene che ostacola la penetrazione in vagina
  • l’anomala posizione del meato impedisce l’eiaculazione in vagina e la capacità di fecondare la donna.

Problema estetico

  • l’anomalo aspetto estetico del pene causa importanti ripercussioni psicologiche.

2. Perché operare l’Ipospadia Complicata

L’intervento chirurgico mira a:

  • riparare l’uretra ristretta, rimuovere i calcoli e i peli nell’uretra, riparare le fistole
  • portare il meato uretrale in cima al pene
  • correggere la curvatura del pene
  • creare un aspetto estetico del pene simile alla normalità.

L’intervento chirurgico tende a migliorare i problemi psicologici del paziente perché vuole dare una risposta a tutti e 3 i problemi funzionale, sessuale, estetico consentendo di:

  • risolvere i disturbi legati all’ostacolo alla minzione e alle infezioni urinarie
  • urinare in piedi senza bagnarsi
  • avere una buona attività sessuale
  • avere un aspetto estetico del pene soddisfacente.

3. Tecniche chirurgiche dell’Ipospadia Complicata

Esistono differenti tecniche chirurgiche che prevedono l’impiego della cute del prepuzio o della mucosa buccale per ricostruire l’uretra.
Le tecniche più utilizzate sono le seguenti:

Tecnica in Tempo Chirurgico Unico di Asopa o Snodgrass

L

Fig. 2a
L’Uretra viene aperta ventralmente

L

Fig. 2b
L’Uretra viene incisa dorsalmente e allargata

Nello spazio creato dalla incisione viene attaccato un innesto di tessuto (Mucosa Buccale o Cute del Prepuzio) ad allargare l

Fig. 2c
Nello spazio creato dalla incisione viene attaccato un innesto di tessuto (Mucosa Buccale o Cute del Prepuzio) ad allargare l’uretra

 L

Fig. 2d
L’Uretra viene richiusa ventralmente

Ricostruzione finale del pene e del glande

Fig. 2e
Ricostruzione finale del pene e del glande

Tecnica Chirurgica in più tempi o Stadiata

L’uretra viene ricostruita con 2 o più interventi effettuati a distanza di più di 6 mesi uno dall’altro. È una tecnica riservata ai casi più complessi.

Fig. 3 – Uretroplastica in più tempi nell’Uretra Peniena

 Dopo che il pene è stato aperto ventralmente, l

Fig. 3a – Prima fase
Dopo che il pene è stato aperto ventralmente, l’Uretra malata viene sostituita con una mattonella di Mucosa Buccale e il Meato Uretrale viene spostato a metà del pene circa. Per alcuni mesi il paziente urinerà da questo nuovo meato situato lungo la faccia ventrale del pene.

Dopo alcuni mesi la mattonella di Mucosa Buccale viene ritagliata e trasformata in tubo ed il Meato Uretrale ritorna all

Fig. 3b – Seconda fase
Dopo alcuni mesi la mattonella di Mucosa Buccale viene ritagliata e trasformata in tubo ed il Meato Uretrale ritorna all’apice del glande.