//Uretroplastica bulbare con doppio innesto dorsale-ventrale di mucosa buccale: risultati
Uretroplastica bulbare con doppio innesto dorsale-ventrale di mucosa buccale: risultati2017-04-05T18:51:40+00:00

Uretroplastica bulbare con doppio innesto dorsale-ventrale di mucosa buccale: risultati

 

Autori:
Enzo Palminteri et Al.

Pubblicazione:
SIU Internazionale Parigi-2007

Centro:
Centro di Chirurgia Uretrale e Genitale, Arezzo.

Scopo del lavoro
La chirurgia uretrale di sostituzione circonferenziale con il “neotubulo” è tramontata, mentre si è affermata sempre più la chirurgia uretrale di ampliamento con la “toppa” solitamente di mucosa buccale (MB).

 

Materiali e metodi
Tra il 2002 ed il 2006, abbiamo sottoposto ad uretroplastica con doppio innesto dorsale-ventrale di MB, 48 pazienti (età media 34,6 aa) con stenosi dell’uretra bulbare. L’eziologia della stenosi era sconosciuta in 34 pz, da catetere in 10, traumatica in 3, infettiva in 1. Dei 48 pz, 14 erano stati precedentemente sottoposti a dilatazioni e 33 ad uretrotomia interna con una media di 2,5 uretrotomie (range 1-9).
L’uretra stenotica è stata ampliata dorsalmente sec. Asopa con il primo innesto; successivamente il canale è stato allargato ventralmente sec. McAninch con il secondo innesto.
In 5 pz è stato effettuato un prelievo bilaterale dalle guance, mentre in tutti gli altri un prelievo unico suddiviso poi in due parti. Il prelievo è stato di lunghezza media6,16 cm (range 4-8) e larghezza media 1,89 cm (range 1-2,5). La lunghezza media dell’innesto dorsale è stata 2,36 (range 1-5), quella dell’innesto ventrale 4,68 (range 4-11)

Risultati
Alla rimozione del catetere dopo 21 giorni in 3 casi la cistouretrografia minzionale ha evidenziato una fistola, guarita con una prolungata cateterizzazione. Con un follow up medio di 21,9 mesi abbiamo avuto 43 (89,6 %) successi. Dei 5 (10,4 %) insuccessi, 4 sono stati sottoposti ad uretrotomia e 1 ad uretroplastica stadiata.

Conclusioni
La chirurgia uretrale è caratterizzata dal concetto di risparmio dei tessuti uretrali tramite l’ampliamento dorsale o ventrale del piatto uretrale stenotico preservato. Nella nostra tecnica l’uretra è ampliata sia dorsalmente che ventralmente nell’intento di incrementare la circonferenza del lume e ridurre, nonostante la restrizione cicatriziale post-intervento, le percentuali di recidiva della stenosi.

torna a attività scientifica 2007